Artico. Politica, economia, esplorazioni e risorse nella contesa per il grande Nord

Il destino dell’Artico, da frontiera di eroiche spedizioni, come quella del dirigibile Italia del 1928, a “terra” di tensioni conflitti è il tema dell’incontro dal titolo “Artico. Politica, economia, esplorazioni e risorse nella contesa per il grande Nord”, che si terrà il 29 maggio, presso la  Sala Crociera alta di Studi Umanistici. Ore 11, via Festa del Perdono 7.

L’incontro – promosso nell’ambito del master degree in Sustainable Development dell’Università Statale – riunisce docentiesperti giornalisti con una lunga esperienza sia nelle esplorazioni delle regioni artiche, che negli studi politologici, economico-sociologici e antropologici, di diritto internazionale e di sustainable development.

Sottoposto allo stress di imponenti trasformazioni climatiche, l’immensa regione artica e le sue popolazioni millenarie vivono negli ultimi anni l’accendersi di una contesa per la conquista e il controllo dell’ultima area mondiale non ancora sfruttata, ma con immense ricchezze naturali (ampie e pescose regioni marittime, presenza di idrocarburi), divenendo così obiettivo strategico di potenze globali come Stati UnitiRussiaCinaCanada e Norvegia.

Partecipano all’incontro Nerina Boschiero, presidente della facoltà di Giurisprudenza e coordinatrice del master degree in Sustainable Development, Alessandro Vitale, docente di Geografia politica ed economica e di Economic Geography in Statale, i due scrittori e giornalisti scientifici, Marzio G. Mianautore del libro “Artico. La battaglia per il grande nord” (Neri Pozza, Vicenza 2018)  e Stefano Magni, e Livia Pomodoro, presidente del Milan Center for Food Law and Policy. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: