I beni confiscati alla mafia sono in mostra a Milano

Dal 30 Marzo al 2 Aprile Festival dei beni confiscati alle mafie

Promosso dall’ Assessorato politiche sociali del Comune di Milano e l’associazione Libera

Il Festival, nato nel 2011, vuole sensibilizzare la cittadinanza e gli studenti sulla presenza delle mafie a Milano e  Lombardia.

Presenza che si manifesta nel numero cospicuo di beni confiscati

Solo a Milano ce ne sono quasi 200, 157 di questi dati in gestione ad associazioni che operano esclusivamente nel sociale

I beni confiscati, attraverso la gestione delle associazioni, diventano  luoghi di cultura e di progetto sociale

Restituendo così alla città insieme ai beni, progetti sociali di supporto a persone fragili, anziani, donne vittime di violenza, ragazzi con problemi.

Nelle giornate del Festival questi beni, diventano luoghi che ospitano cultura, incontri, spettacoli, musica, proiezioni e attività per bambini.

5° edizione del Festival

Per questa edizione il Festival dei beni confiscati alle mafie ha consolidato il rapporto con gli studenti e il pubblico giovanile.

Il  programma infatti  si rivolge prevalentemente a loro  e si aprirà alla città coinvolgendo per la prima volta alcuni spazi esterni.

Liceo Classico Manzoni: una scuola perchè l’educazione alla legalità deve cominciare da lì.

Frigoriferi Milanesi che si affacciano sull’Ortomercato, un luogo spesso coinvolto in traffici illegali.

La Fondazione Cineteca Italiana (Oberdan e Mic) dove saranno proiettati film e  il documentario, Un gelato per Saviano.

Parte importante avranno gli incontri con gli autori.

Claudio Fava scrittore, tra gli sceneggiatori del film I cento passi e componente della Commissione Parlamentare Antimafia.

Oltre alla consolidata collaborazione con Libera  quest’ anno, il festival  si avvale delle collaborazioni  di FeltrinelliUnilibera e Cross per i dibattiti.
Durante le giornate del Festival un gruppo di studenti seguirà  la redazione del Giornale dei ragazzi.

 Il giornale  documenterà l’iniziativa in tempo reale sui social network e online.

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: