Piante, giochi d’acqua, giochi, orti didattici e campi da bocce.

Apre il primo lotto del grande parco, in partenza i lavori per il secondo. Il polmone verde di Porta Nuova

L’evento ufficiale di inaugurazione del primo lotto è previsto per sabato primo aprile.

Una Festa di Primavera con laboratori didattici e creativi per bambini, tornei di bocce e una colazione per tutti.

Il primo lotto del parco Biblioteca degli Alberi a Porta Nuova, uno spazio di 7.500 mq in via de Castillia 26/28 intorno alla Fondazione Riccardo Catella e all’Incubatore per l’Arte.

Una volta ultimata, con i suoi 9,5 ettari di estensione, la Biblioteca degli Alberi sarà il terzo parco pubblico più grande del centro di Milano.

Un nuovo spazio pubblico, elemento centrale in tutto lo sviluppo dell’area di Porta Nuova e suddiviso in tre zone principali.

La più ampia, fra Melchiorre Gioia, via Pirelli e via de Castillia.

La seconda sull’area di copertura del parcheggio sotterraneo di piazza Luigi Einaudi.

La terza lungo la fascia rettilinea che costeggia viale della Liberazione fino a piazza San Gioachimo e il suo sagrato.

Il polmone verde di Porta Nuova ospiterà circa 450 alberi di 19 specie arboree differenti, 34.800 mq di prato e quasi 90.000 piante tra siepi, arbusti, rampicanti

Anello di congiunzione fra gli spazi pubblici, le infrastrutture, le architetture verticali e orizzontali dei quartieri circostanti.

Il parco Biblioteca degli Alberi collega piazza Gae Aulenti al quartiere Isola, alla sopraelevata su via Melchiorre Gioia, alla promenade verde di Varesine e al giardino di via de Castillia.

Si viene così a  creare l’area pedonale più ampia della città con 170.000 mq e 5 km di piste ciclabili

L’inizio dei lavori di realizzazione del secondo lotto del parco (circa ulteriori 77.000 mq) è fissato per la metà di aprile.

Durante le fasi di cantiere, l’area accoglierà MiColtivo nel Parco, un palinsesto di iniziative promosso dalla Fondazione Catella.
MiColtivo nel Parco vuole riportare l’attenzione sull’importanza della valorizzazione del verde urbano.

Attraverso il coinvolgimento diretto dei cittadini nella realizzazione del parco.

Visite guidate nel cantiere, eventi speciali per la piantumazione collettiva dei prati fioriti e laboratori di orticultura urbana.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: