Il cantante ritorna alla regia dopo una lunga assenza.

Made in Italy –  con questo film Ligabue ha deciso di ritornare su un set cinematografico.  Film che nasce  dopo aver ideato l’ album e la canzone Non ho che te in cui si racconta la storia di una persona di mezza età che perde il posto di lavoro.

Made in Italy, è «una tormentata dichiarazione di amore verso il nostro Paese».

La precarietà del lavoro, le difficoltà sentimentali, l’esigenza di cambiare sono i temi affrontati nel film.

E’ la storia di Riko, personaggio affidato a Stefano Accorsi, un matrimonio in crisi con Sara, un lavoro che potrebbe perdere e comunque non lo soddisfa, difficoltà economiche e molti amici da aiutare e ascoltare.

Riko subisce tutte le delusioni di una vita precaria nella quale emerge la provincia italiana con i suoi valori ma anche le sue difficoltà

Decide quindi di farsi forza e reagire alla situazione, provando a delineare il futuro invece che restare passivo e subire i cambiamenti della vita.

Una storia realistica .

Il film rappresenta una quotidianità nella quale vengono riassunti  gli elementi che  rendono  precaria l’esistenza delle nuove generazioni  con  un approccio onesto a una situazione realistica in cui molti di noi si riconoscono

 

Ligabue propone un ritratto della società in cui i sentimenti sono sempre centrali.

Dal film emerge un paese contradditorio  con i temi che sono all’ordine del giorno ma affrontati con un po’ di ironia << Lo spread! Sono riusciti a farmi stare in pensiero per lo spread».

Made in Italy  riesce a soddisfare lo spettatore con la sua capacità di addentrarsi nelle contraddizioni e nei dubbi di più di una generazione. Un paese  alle prese con la crisi economica, ma anche una crisi di valori di una società  che necessità di un cambiamento profondo.

Made in Italy nelle sale di Milano


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: